1200px-nielsen_logo-svg
Pubblicità in crescita: l’analisi Nielsen del 2016

L’ultimo rapporto Nielsen sul mercato degli investimenti pubblicitari vede un 2016 in crescita dell’1,7% rispetto al 2015. Nel singolo mese di dicembre la raccolta cresce dell’1,2%. Se si aggiungesse anche la stima sulla porzione di web attualmente non monitorata (principalmente search e social), il mercato chiuderebbe il mese di dicembre a +3% e il periodo consolidato in crescita del 3,4%, come previsto. Relativamente ai singoli mezzi, la tv cresce del 4 % a dicembre, chiudendo l’anno a +5,4%. Sempre negativa la stampa: quotidiani e periodici nel singolo mese si attestano rispettivamente a ‐8,4% e -9,3%, calando nel 2016 del 6,7% e del 4%.
Conferma l’andamento positivo la radio: la crescita di dicembre (+15%) porta la raccolta complessiva del l’anno a +2,3% . L’incremento di internet è dovuto principalmente a search e social, sulla base delle stime realizzate da Nielsen. Relativamente al perimetro attualmente monitorato in dettaglio, infatti, il web cala del 2,3% nel periodo cumulato e dell’1,2% nel singolo mese di dicembre . Allargando il perimetro all’intero universo del web advertising, la raccolta del 2016 chiude a +7,5% Per quanto riguarda i settori merceologici nel dettaglio, solo 6 arrivano a fine 2016 con un segno negativo. Per i primi comparti del mercato  si registrano andamenti differenti nei 12 mesi: crescono le telecomunicazioni (+4,8%), la distribuzione (+1 1,2 %) e i farmaceutici/sanitari (+7,7%), cui si contrappongono i cali della finanza (-14%) e dell’abbigliamento (‐5,9%). Tra gli altri che contribuiscono alla crescita, si segnalano le buone performance del mercato delle automobili (+5,9%), industria/edilizia (+38,4%), tempo libero (+16,9%) e abitazione (+6,3%).

schermata-2017-05-10-alle-11-51-46
Immagini di tendenza

Getty Images, la banca immagini N°1 al mondo con oltre 1 miliardo di ricerche e circa 400 milioni di immagini scaricate ogni anno, ha pubblicato il suo nuovo report con i visual trend per il 2017. Sono sei le indicazione: 1) virtualità: l’immagine va vissuta, deve coinvolgere e quindi via libera a video a 360°, virtual reality e nuove tecniche di immersione visiva; 2) colore: colori forti e abbinamenti inusuali sono indispensabili per catturare l’attenzione; 3) senza filtri: spontaneità, linguaggio in stile documentario, foto-giornalismo catturano i Millenials; 4) donne grintose: la donna forte e coraggiosa è protagonista; 5) quartiere globale: meticciato, flessibilità culturale, contaminazione sono l’ideale di una generazione che condivide valori comuni in tutto il mondo; 6) nuova ingenuità: ironia, gioco, eccessi l’hanno vista sull’eleganza stilistica.

maxresdefault
Panettoni indigesti

Il nuovo spot del panettone Motta ha utilizzato una creatività ironica per difendere la sua ricetta tradizionale del dolce natalizio, mettendola in contrapposizione a improbabili ingredienti di moda quali tofu, seitan, alghe e bacche di goji. L’effetto, a nostro avviso decisamente divertente ed efficace, ha però scatenato polemiche da parte di gruppi di salutisti vegani, che si sono sentiti chiamati in causa e presi in giro da questa scelta. Una indignazione in apparenza pretestuosa, che tuttavia fa riflettere su come le preferenze alimentari siano diventate un decisivo motivo di differenziazione, di stile di vita, di scelta ideologica. E quindi un argomento da trattare con particolare attenzione perché ricco di potenziale mediatico, magari da sfruttare provocatoriamente, e consapevolmente, per far parlare di sé e del proprio brand.

We’re the superhumans

Complimenti all’inglese Channel4 per il suo promo trailer sui Giochi Paralimpici di Rio, in programma nella bella città brasiliana dal 7 al 18 settembre. “Yes, I can” è il più bel messaggio che questo video e questo persone ci danno per affrontare la vita. Grazie!