brain-998996_640

Neuromarketing: leggere nella mente del consumatore

Quando acquistiamo qualcosa, pensiamo di fare una scelta razionale. Invece, è accertato che gli acquisti sono determinati tra il 75% ed il 90% da decisioni influenzate da una base emozionale non conscia. Si tratta di un aspetto quindi fondamentale per le aziende, ma molto difficile da analizzare. Vengono ora in soccorso una serie di metodologie che posso essere riassunte sotto il nome di  neuromarketing. Scientificità dei risultati e precisione dell’osservazione sono i loro punti di forza: si va, per esempio dall’eye-tracking (la misurazione dei movimenti oculari del soggetto e dei punti su cui fissa lo sguardo mentre effettua un acquisto) al Facs (Facial Action Coding System, che mediante dei sensori ci permette di misurare i movimenti dei muscoli del volto, interpretando anche le reazioni non conscie di fonte ad un prodotto). L’obiettivo è comprendere tutti gli elementi legati agli aspetti sensoriali, cognitivi non consci ed emozionali del rapporto consumatore-prodotto, per favorire il processo di vendita e renderlo ancor più piacevole.

No Comments

Post a Comment